10/05/2004

L'Es Dumbo e la droga psichedelica

I film d'animazione per bambini nascondono spesso palesi storie di droga. Esaminiamo oggi la vicenda narrata nel film Dumbo (1941). Un elefantino malformato che viene esiliato e maltrattato per le teratologiche dimensioni delle orecchie. Le pressioni sociali che riceve sono tremende, la madre finisce reclusa per uno scatto di violenza teso a proteggere il figlio; la situazione sembra non avere nessuno sbocco. Ecco che per un caso fortuito una bottiglia di alcool finisce nella tinozza del disperato. Poi il sonno della ragione, il soccombere del super-io, l’Es che emerge a stravolgere l’esperienza, le allucinazioni tremende e fremebonde degli elefanti rosa. Grazie alla sostanza stupefacente l’elefantino riesce a librarsi in volo e si risveglia dal delirio in cima ad un albero. La forza liberatrice della sostanza psichedelica raggiunge in questo film una celebrazione mistica ed esaltante. Grazie alla droga la diversità da disgraziata avversità si trasforma in una dote vantaggiosa. Morale: dentro ognuno di noi esistono delle potenzialità meravigliose che per emergere hanno bisogno di un aiutino...Disney docet

Per quanto riguarda gli elefanti rosa è bene notare come non sia affatto casuale la loro apparizione: nella cultura anglofona simboleggiano l'allucinazione da alcool per eccellenza.
Già nel 1913 Jack London nel suo autobiografico JOHN BARLEYCORN scrisse: "There are, broadly speaking, two types of drinkers. There is the man whom we all know, stupid, unimaginative, whose brain is bitten numbly by numb maggots; who walks generously with wide-spread, tentative legs, falls frequently in the gutter, and who sees, in the extremity of his ecstasy, blue mice and pink elephants. He is the type that gives rise to the jokes in the funny papers."

In vino veritas



il libro on-line di Jack London
http://sunsite.berkeley.edu/London/Writings/JohnBarleycorn/

1 commento:

Biagio Nasti ha detto...

Librarsi non vibrarsi....e che cazzo

Related Posts with Thumbnails